About Avv. Nouvenne

This author has not yet filled in any details.
So far Avv. Nouvenne has created 19 blog entries.

LAVORO PUBBLICO NEGLI ENTI LOCALI E DINIEGO DI NULLA OSTA PER LA MOBILITA’ ESTERNA NEL VIGORE DELL’ART. 35 DEL D.LGS N. 165/2001

Lo scrivente è a venuto conoscenza del fatto che alcuni Enti Locali hanno negato - opponendo, a fondamento del diniego, il disposto del comma 5-bis della norma in epigrafe indicata - la concessione del nulla osta per la partecipazione a procedure di mobilità esterna richiesto da alcuni dipendenti che non avevano raggiunto, alla data della richiesta, la permanenza minima di 5 anni nella prima sede di destinazione.

By |2019-10-27T13:55:21+00:00September 26th, 2019|Diritto del Lavoro|0 Comments

IL LICENZIAMENTO PER SUPERAMENTO DEL PERIODO DI COMPORTO: MOTIVI DI IMPUGNAZIONE

Il periodo di comporto è quel periodo di conservazione del posto di lavoro, periodo fissato dalla contrattazione collettiva, durante il quale il lavoratore in malattia ha diritto alla conservazione del posto di lavoro.

By |2019-10-27T13:55:08+00:00September 26th, 2019|Diritto del Lavoro|0 Comments

IL PERMESSO RETRIBUITO PER MATRIMONIO PER I MEDICI DELLA SANITA’ PUBBLICA

La disciplina dettata dal CCNL di riferimento prevede il diritto dei Dirigenti medici di fruire di un congedo retribuito per matrimonio della durata di quindici giorni, congedo che può essere goduto “anche entro trenta giorni dalla celebrazione del matrimonio”.

By |2019-07-16T14:24:59+00:00July 16th, 2019|Diritto del Lavoro|0 Comments

LAVORO PUBBLICO NEL COMPARTO SANITA’ E FRAZIONABILITA’ AD ORE DEI PERMESSI EX LEGE N. 104/1992

Alcune Aziende Sanitarie, fondandosi su un parere dell’ARAN, reso in data 27/11/2018, secondo cui tale norma dovrebbe essere interpretata nel senso di escludere la frazionabilità dei permessi ad ore, hanno comunicato ai dipendenti che i permessi in questione potranno essere usufruiti solo a giornate.

By |2019-06-06T08:15:52+00:00June 6th, 2019|Diritto del Lavoro|0 Comments

IL CALCOLO DELL’INDENNITA’ RISARCITORIA PER IL LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO DEI “NUOVI” ASSUNTI A SEGUITO DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE N. 194/2018

Per i lavoratori dipendenti assunti a far data dal 7 marzo 2015 (c.d. “nuovi assunti”) operano le c.d. tutele crescenti introdotte dall’art. 2 del D.Lgs n. 23/2015, in vigore dal 7 marzo 2015, norma che originariamente graduava l’indennità risarcitoria dovuta per il caso di licenziamento illegittimo da un minimo di 4 mensilità (poi elevate a 6 dal c.d. Decreto Dignità, convertito nella L. n. 96 del 2018) ad un massimo di 24 (poi elevate a 36 dal c.d. Decreto Dignità), con incremento automatico di una mensilità per ogni anno di servizio.

By |2019-06-06T08:05:17+00:00June 6th, 2019|Diritto del Lavoro|0 Comments

La lettera di giustificazioni nel procedimento disciplinare

Il tema, nella pratica, è spesso trascurato, preferendo, sovente, il lavoratore rendere giustificazioni orali con l’assistenza di un rappresentante sindacale. Tale scelta, però, si rivela spesso infelice, perché, il più delle volte inidonea ad evitare l’irrogazione di una sanzione disciplinare. Mentre, tanto più una lettera di giustificazioni è puntuale, specifica e motivata, tanto più il [...]

By |2019-04-08T14:45:23+00:00April 8th, 2019|Diritto del Lavoro|0 Comments

Il procedimento disciplinare nel rapporto di lavoro privato: l’importanza della lettera di contestazione

Il datore di lavoro, il quale accerti che un dipendente si è reso responsabile di una mancanza di rilievo disciplinare, ha l’onere, stabilito per legge dall’art. 7 del c.d. Statuto dei Lavoratori (L. n. 300/1970), di contestargli per iscritto l’addebito e di concedergli un termine di 5 giorni per presentare le proprie giustificazioni.

By |2019-04-08T14:40:19+00:00April 8th, 2019|Diritto del Lavoro|0 Comments

QUANDO PUO’ ESSERE CONSIDERATO LEGITTIMO IL RIFIUTO DEL TRASFERIMENTO

Non ogni trasferimento è tale da giustificare il rifiuto del lavoratore di prendere servizio presso la sede di destinazione, ma solo quello che, per le sue concrete modalità e condizioni, renda manifesto un abuso o, comunque, un uso illegittimo, da parte del datore di lavoro, del diritto di trasferire il dipendente.

By |2018-11-02T09:55:30+00:00November 2nd, 2018|Diritto del Lavoro|0 Comments